Condividi l'articolo su:

 

Quello che mangi non è un salmone (quello che stiamo facendo estinguere, sì)

Viaggio nel cuore degli allevamenti di salmone del nord Europa, dove la carne viene colorata, il maltrattamento animale è regola e gli ecosistemi a rischio. Primo fra tutti, quello del salmone selvaggio, sempre più a rischio estinzione.

Patagonia, azienda americana produttrice di abbigliamento tecnico,ha prodotto un documentario chiamato Artifishal, sull’allevamento intensivo dei salmoni e sulla scomparsa del pesce selvaggio dalle acque del pianeta.

Nelle vasche in mare aperto dove viene allevato il salmone non mangia gamberetti o krill, quindi la sua carne non è arancione.

I salmoni d’allevamento mangiano altro: mangimi animali o di soia ogm direttamente importata dal Brasile al prezzo di conclamate devastazioni ambientali, ormoni, antibiotici, additivi chimici. La loro carne è grigia, fino a pochi giorni dalla macellazione, quando viene colorata artificialmente: con integratori a base di carotene, nel migliore dei casi. Oppure con additivi chimici che fanno aumentare i costi di allevamento del 20%, ma garantiscono un generoso ritorno economico ai produttori.

 

Guarda il trailer del video con sottotitoli in italiano

 

Noi compriamo e mangiamo l’imitazione di un pesce, mentre il pesce originale scompare.

 

I salmoni vengono allevati in vasche circoscritte all’interno del mare “Ogni singola vasca può contenere sino a 200mila salmoni ma 50mila tra loro, muoiono prima di essere macellati, a causa delle malattie, di pidocchi di mare e dell’inquinamento dell’acqua. Non c’è altro allevamento animale che ha analoghi tassi di mortalità. Non solo: i rifiuti prodotti da tre sole gabbie sono pari all’equivalente di liquami prodotti da 120.000 persone. Quelle quattro gabbie circolari, piccole, silenziose e apparentemente insignificanti, producono gli stessi liquami dell’intera città di Reykjavík, la capitale dell’Islanda. Il problema è che lo fanno in una rete, nel bel mezzo di un fiordo, in pieno oceano. Nei fiordi in cui ci sono gli allevamenti di salmoni stanno scomparendo gamberi e krill che nutrono i salmoni selvaggi e altri pesci, che a loro volta nutrono pesci più grandi, sino ad arrivare ai predatori in cima alla catena alimentare come le orche. Quegli allevamenti sono una minaccia per tutto l’ecosistema dei fiordi”

Questa è solo un’interessante anteprima dell’articolo completo de Linkiesta che puoi leggere QUI

Condividi questa notizia, che tutti sappiano cosa stanno mangiando e i danni provocati da questi allevamenti agli animali e all’ambiente.

Se ti interessa sapere altro sui danni provocati dall’allevamento di pesci leggi Allevamenti di Pesci in Acquacoltura – Una catastrofe ambientale 

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Novità, curiosità e aggiornamenti dal mondo del Green.

Grazie per esserti iscritto!